Una giuria federale si è pronunciata a favore di Hermès nella causa per violazione del trademark contro MetaBirkins

Hermès è una casa di moda francese di lusso fondata nel 1837. È nota per i suoi articoli in pelle, abbigliamento, accessori, profumi e gioielli di alta qualità. L’azienda è stata fondata da Thierry Hermès ed è ancora oggi di proprietà della famiglia Hermès.

Hermès è rinomata per la sua eccezionale abilità artigianale: molti dei suoi prodotti sono realizzati a mano con tecniche tradizionali. Il suo prodotto di punta è la borsa “Birkin“, dal nome dell’attrice e cantante britannica Jane Birkin, che è diventata una delle borse più iconiche e ricercate al mondo.

Oltre alla pelletteria, Hermès offre anche una gamma di abbigliamento e accessori per uomo e donna, nonché articoli per la casa come biancheria e stoviglie. L’azienda gestisce anche una serie di boutique e negozi in tutto il mondo che presentano le sue diverse collezioni.

In generale, Hermès è considerato un simbolo di lusso, eleganza e qualità e i suoi prodotti sono molto ambiti dagli appassionati di moda e dai collezionisti.

Hermès

Ma perchè vi parliamo di Hermès?

La giuria federale degli Stati Uniti ha dato ragione a Hermès: l’artista Mason Rothschild ha copiato l’iconica borsa Birkin per le sue opere NFT.

Rothschild ha così coniato 100 NFT Non-Fungible Tokens, ognuno in vendita per una cifra molto eterogenea.

Attualmente, sono disponibili sulla piattaforma Looksrare con un discreto volume.

Già nel dicembre 2021, Hermès aveva inviato all’artista una lettera di diffida e i MetaBirkins furono rimossi dal mercato di OpenSea nello stesso periodo. Un disclaimer sul sito di MetaBirkins avvisa che il progetto non è in alcun modo affiliato a Hermès ma, negli atti depositati in tribunale, il brand ha affermato che l’avviso in realtà ha peggiorato le cose usando il nome del marchio e inserendo un collegamento al sito della casa di moda.

La giuria non solo ha assegnato alla casa di moda un risarcimento di 133mila dollari per i danni ma, elemento ancor più significativo e da “giurisprudenza”, ha anche scoperto che gli NFT dell’artista non possono essere considerati protetti dal Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti, atto che riguarda, tra l’altro, la libertà di parola e di stampa e, quindi, di diffusione. Per la Giuria, insomma, il progetto di Rotschild non possedeva sufficiente “rilevanza artistica” per essere considerato meritevole di “libertà di parola”. 

Source: exibart.com

Banksy Bruciato

Grazie per aver letto il nostro Articolo!

Clicca sull' icona per tornare alla home page