TikTok: Uno studio di DappGambl afferma che il 35% dei video sulle Crypto analizzati è fuorviante.

Lo studio evidenzia come TikTok non sia più solamente un’app di intrattenimento, ma si stia trasformando in una piattaforma per l’apprendimento in certi versi.

Infatti, i video contrassegnati con l’hashtag #LearnOnTikTok hanno raggiunto la bellezza di 492 miliardi di visualizzazioni e continuano a crescere.

Questa tendenza indica che gli utenti non utilizzano TikTok solo per il puro divertimento, ma anche per ricevere consigli su temi finanziari e per approfondire diverse aree tematiche.

Inoltre, visto che il 47% degli utenti ha un’età inferiore ai 30 anni, il campo degli investimenti dovrebbe essere preso sul serio.

TikTok

TikTok si sta trasformando in una piattaforma sempre più utilizzata per l’educazione finanziaria grazie a FinTok, l’angolo che fornisce consulenza sulla gestione patrimoniale e sugli investimenti.

L’hashtag di FinTok ha raggiunto oltre 2,7 miliardi di visualizzazioni, dimostrando l’interesse degli utenti per questi temi.

Tuttavia, è importante stare in guardia sul fatto che, all’interno di queste nicchie, come ad esempio Cryptok, ci sono influencer che possono fornire consigli e servizi non sempre affidabili e regolamentati.

DappGambl ha esaminato 1161 video di noti influencer crypto su TikTok e li hanno identificati come fuorvianti se non era presente un disclaimer nel caso in cui:
I video esortassero ad investire in particolari monete ed altri beni implicando che l’investimento avrebbe garantito un ritorno.

L’hashtag  analizzato #Cryptok” ha oltre 1,6 miliardi di visualizzazioni, sono stati esaminati 1161 video di 594 diversi creatori utilizzando hashtag popolari.

I creatori di contenuti fuorvianti analizzati su TikTok hanno avuto un seguito totale di oltre 35 milioni e un seguito medio di 145K.

Inoltre, la piattaforma favorisce i contenuti popolari rispetto a quelli verificati, il che significa che anche gli utenti che non seguono gli account possono accedere a questi video tramite la pagina per te o cercando l’hashtag.

Questa tendenza aumenta il rischio di disinformazione e truffe, poiché gli utenti potrebbero essere esposti a contenuti non affidabili senza rendersene conto.

Un altro dato interessante:
Il 35% dei video fuorvianti utilizza la parola Bitcoin per diffondere disinformazione.
Un totale di 53 diverse crypto sono state menzionate in tutti i video contrassegnati che mostrano una varietà di scambi e consigli di investimento, tra cui: Bitcoin, Xrp, Ethereum, Cardano, Hbar, Gala ecc.

Per leggere il report ed informarti su tutto lo svolgimento dello studio clicca qui.

In conclusione:

Sebbene la piattaforma possa essere un ottimo posto per imparare, è importante notare che il mondo del Web 3.0 non è ancora regolamentato e la disinformazione può facilmente diffondersi.

Fai sempre le tue ricerche prima di accettare qualsiasi consiglio dalla piattaforma. 

In caso tu voglia imparare a muovere i tuoi primi passi nel mondo del Web 3.0 clicca questo link.
Puoi anche seguirci su Youtube e negli altri social.

Source: dappgambl.com, cryptonomist.ch

Banksy Bruciato

Grazie per aver letto il nostro Articolo!

Clicca sull' icona per tornare alla home page