Tether Congela altri 5,2 Milioni di Dollari Legati a Truffe di Phishing

Il 14 maggio 2024, Tether, il più grande emittente di stablecoin al mondo, ha congelato 5,2 milioni di dollari in USDT legati a truffe di phishing. Questi fondi erano distribuiti su 12 indirizzi Ethereum identificati come “USDT Banned Address“. L’azione è stata intrapresa a seguito delle segnalazioni della società di analisi on-chain SlowMist, che ha rilevato l’uso degli indirizzi per riciclare fondi provenienti da truffe di phishing.

Tether ha una storia consolidata di blocco di asset legati a attività illecite, tra cui hack, exploit e truffe. Dal suo lancio, l’azienda ha bloccato più di 1,3 miliardi di dollari in USDT, con azioni significative come il congelamento di 150 milioni di dollari in gennaio 2022 e 8,2 milioni di dollari in ottobre 2022. Alla fine del 2022, Tether aveva congelato oltre 360 milioni di dollari in asset. Più recentemente, in novembre 2023, Tether ha congelato 225 milioni di dollari legati ad un sindacato di traffico di esseri umani nel sud-est asiatico.

Tether collabora attivamente con le forze dell’ordine e ha lavorato con 24 agenzie di polizia in oltre 40 Paesi, rispondendo a circa 339 richieste di blocco di wallet negli ultimi tre anni. L’azienda utilizza la tecnologia ledger decentralizzata per monitorare i fondi on-chain e la sua natura centralizzata per congelare asset su richiesta delle autorità.

Il CEO di Tether, Paolo Ardoino, ha difeso l’operato della società contro le critiche, affermando che l’azienda è impegnata a mantenere l’integrità del suo stablecoin e a combattere le attività illecite nel settore crypto. Nonostante le sfide e le critiche, Tether continua a dimostrare la sua resilienza e affidabilità, garantendo i suoi token con riserve di cassa e equivalenti.

Source: cointelegraph.com, cryptonomist.ch, beincrypto.com

Banksy Bruciato

Grazie per aver letto il nostro Articolo!

Clicca sull' icona per tornare alla home page