Pandolfini: la prima asta del primo dipartimento NFT Italiano

Ecco l’annuncio di Pandolfini: nasce il primo dipartimento NFT italiano, si chiama NFT E DIGITAL ART. E con questo la prima asta, in programma online, dal 22 settembre al 3 ottobre. 

Pandolfini

Artisti delle opere all’asta:

Peter Gric, artista con un solido percorso pittorico che da decenni sperimenta la sua poetica anche in ambito digitale – l’opera proposta in asta da Pandolfini ha una valutazione di € 3.000-10.000.

A.L. Crego, che prende le mosse da un’estetica retro-futuribile per poi rappresentare le proprie visioni mentali, attraverso veri e propri mantra visivi ipnotici. Come nel caso della sua GIF, in catalogo per € 2.000-4.000.

Marcel Van Luit con l’opera AURORA «parla d’amore e di tempo: il tempo è troppo lento per chi aspetta, troppo veloce per chi teme, troppo lungo per chi soffre, troppo breve per chi gioisce, ma per coloro che amano, il tempo è l’eternità». € 40.000-100.000 è il prezzo di questo tempo eterno.

 Tra le proposte NFT di Pandolfini ci sono anche due artisti con un percorso marcatamente generativo come Ivona Tau e Ismahelio che specificano:

«Per arte generativa si intende il metodo di creazione di opere d’arte che è direttamente collegabile all’utilizzo di un algoritmo, in particolare, la forma espressiva per cui le opere non sono create direttamente dall’artista, ma dall’algoritmo stesso in base a come è stato preimpostato». E ancora: «Gli strumenti digitali al servizio della creatività diventano uno strumento proprio come il mouse, lo scalpello o il pennello, un pennello idealizzato che realizza quello che l’artista desidera, magari seguendo delle tonalità di colore o delle forme di espressione predefinite dall’artista».

Attendiamo con ansia l’appuntamento a fine settembre, con l’asta di Pandolfini.

Pandolfini
Banksy Bruciato

Grazie per aver letto il nostro Articolo!

Clicca sull' icona per tornare alla home page