NFT sul primo tweet: Il Flop

Internet è esploso Quando Jack Dorsey ha venduto all’asta il primo tweet della storia per 2,9 milioni di dollari, sotto forma di NFT.

Ho appena impostato il mio twttr” è il contenuto del costosissimo messaggio che ha sancito la nascita di Twitter: l’ex CEO ha poi devoluto la cifra incassata in beneficenza.

L’acquirente si chiama Sina Estavi, è un imprenditore iraniano e sin dal primo momento si era capito che la sua era stata una mossa speculativa. L’intenzione era quella di rivendere il tweet ad una cifra superiore cioè 50 milioni di dollari.

25 milioni sarebbero andati in beneficenza, l’altra metà però sarebbe finita nelle tasche dell’imprenditore intenzionato a finanziare il suo business. Purtroppo però, nessuno ha avuto l’intenzione di appropriarsi del tweet per una cifra del genere.

Su OpenSea si è arrivati a toccare 30.000 dollari, ma lui ha preferito rifiutare l’offerta per aspettare momenti più propizi.

Secondo voi ha fatto bene? 

A quanto pare, l’offerta più alta per l’NFT ora è scesa sino a 0,0166 ETH, ovvero 29 dollari.

NFT sul primo tweet

NFT primo tweet

Banksy Bruciato

Grazie per aver letto il nostro Articolo!

Clicca sull' icona per tornare alla home page