Crypto Couture: La moda si fa spazio nel Metaverso.

Crypto Couture

Mentre cresce il consenso verso le criptovalute da parte di un numero sempre maggiore di paesi e aziende a livello globale, il 2021 ha decretato il boom degli NFT o token non fungibili.

Un nuovo asset digitale dal forte potenziale comunicativo e pubblicitario, con cui sempre più artisti e celebrità stanno simpatizzando, e che ha conquistato anche il mondo della moda.

Il panorama post pandemico ha cambiato le priorità dei consumatori, spingendo l’industria dell’abbigliamento e i marchi di moda a pensare più digitalmente rispetto al passato e a rimodulare completamente le strategie di marketing. In tale ottica gli NFT appresentano un terreno strategico che offre ai brand di moda nuovi modelli di business e opportunità creative che rendono le esperienze di acquisto nella realtà virtuale più immersive e coinvolgenti.

Crypto couture

Crypto Couture

L’ingresso del brand di moda nel Metaverso

L’era della vita digitale ormai si sta rapidamente proiettando nel metaverso, un’estensione di Internet per come lo conosciamo oggi, non più parallelo alle nostre vite ma interconnesso e ibrido. 

Un ecosistema digitale dove sarà possibile acquistare capi di abbigliamento oggetti virtuali grazie alla tecnologia blockchain e agli NFT.

Per molti ancora, questo makeover virtuale della fashion industry lascia il tempo chetrova, poiché la moda è ancora considerata principalmente fisica.

 Ma la vera rivoluzione sta nel fatto che oggi è sempre più l’idea ad essere apprezzata dal pubblico e non più solo l’oggetto fisico, ed è nel solco di questa mutata sensibilità che si inseriscono gli NFT legati al mondo del fashion.

 Sempre più persone infatti, non si limitano più a voler acquistare un capo di abbigliamento, ma vogliono anche possederlo come NFT, ovvero
avere il diritto di proprietà sullo stesso prodotto ma in formato digitale scambiabile su circuito blockchain.
Uno dei modi in cui l’industria della moda può raggiungere questo obiettivo è sicuramente l’abbigliamento in realtà aumentata, un concetto che fa un uso alternativo degli NFT, non più solo come beni digitali unici e irripetibili che possono essere utilizzati come criptovalute da scambiare, ma anche come veri e propri articoli di abbigliamento.

Gli NFT AR sono costrutti digitali che funzionano come una sorta di filtro che viene sovrapposto alla fotocamera di una persona, e possono essere sfoggiati in contesti di realtà aumentata o di gioco virtuali.
Esistono già varie case a riguardo, tra cui:

  • Dolce e Gabbana ha rilasciato Genesis Collection, una collezione digitale composta da
    nove capi di abbigliamento NFT, acquistata per circa 5,7 milioni di dollari, diventando così la collezione digitale più costosa di sempre. Solo 5 di queste creazioni esistono anche come riproduzione fisica, i restanti 4 modelli sono invece destinati esclusivamente alla dimensione virtuale.
  • Nike ha collaborato con l’azienda di sneakers RTFKT, lanciando 20.000 NFT di esemplari unici di scarpe, di cui i modelli disegnati dall’artista Murakami, hanno raggiunto il prezzo record di 130.000 euro.
  • Di recente Pinko ha fatto il suo ingresso nel metaverso, lanciando una collezione di Nft MetaLoveBag dedicata alle sue Love Bags: una collezione delle iconiche borse del marchio in versione digitale e metafisica.
Crypto couture

Crypto Couture

Gaming e moda, un’accoppiata vincente

Oltre a realizzare dei capi di abbigliamento esclusivi per gli avatar digitali, diverse griffe intente ad approcciare un’audience più giovane, hanno sperimentato il loro ingresso nel metaverso, avviando importanti collaborazioni con le maggiori piattaforme di gaming, come Fortnite e Roblox. Realtà virtuali dove gli user oltre a poter creare il proprio avatar sia dal punto di vista fisiognomico sia a livello di stile e accessori, possono acquistare prodotti e articoli tramite criptovalute, nonché socializzare con altri utenti. Tra le collaborazioni più di successo citiamo: 

  • Il colosso dell’abbigliamento sportivo Nike ha creato Nikeland, un proprio mondo
    all’interno di Roblox, in cui gli utenti di possono partecipare a giochi ed attività sportive
    targate Nike.
  • Altro esempio è rappresentato dalla collaborazione per Nintendo Switch,
    nata tra i brand Gcds, Valentino, Marc Jacobs e il videogioco Animal crossing: New
    Horizon, in cui i giocatori possono acquistare capi di abbigliamento identici alle
    collezioni originali con cui vestire i propri avatar.
  • Burberry ha avviato una collaborazione con il videogioco Minecraft creando
    un’esperienza di gioco completamente brandizzata supportata dalla capsule collection
    ‘Burberry: Freedom to Go Beyond’, disponibile online esclusivamente su burberry.com,
    e in sette flagship store e pop-up.
  • Gucci ha appena lanciato ‘Gucci Vault Land’, un’esperienza immersiva nel metaverso
    The Sandbox creata da Vault per offrire la possibilità di esplorare attraverso il gioco uno
    spazio virtuale a 360 gradi fatto di aree espositive per opere d’arte digitali e NFT.
  • Ralph Lauren ha avviato una partnership con Epic Games, la casa madre del videogame
    Fortnite (ma non solo), con il lancio di una capsule digital nel negozio virtuale del gioco e negli shop
    fisici, e una serie di eventi per coinvolgere in modo attivo community dei gamers.

In che modo gli NFT creano valore per il brand?

La relazione tra il lusso e i mondi digitali dell’entertainment è sempre più sinergica e sta cambiando il fashion system, diventando un nuovo potente canale di comunicazione digitale, ma allo stesso tempo completamente immersivo. 

La combinazione Ntf e Metaverso offre opportunità illimitate oltre i limiti fisici dell’industria della moda, permettendo alle aziende del settore di raggiungere un nuovo pubblico, cambiare o migliorare la propria immagine oppure per generare ulteriori flussi d’entrata.
Oltre agli abiti virtuali, i grandi marchi di moda stanno aprendo negozi virtuali dove è possibile fare acquisti direttamente sul sito della maison o personalizzare il proprio avatar con i capi di haute couture.

 Pionieri di questo nuovo capitolo della storia della moda sono senz’altro le grandi aziende come Gucci, Nike, Adidas, Gap, Selfridge, ma
anche brand low cost come H&M e Zara.

Crypto couture

Crypto Couture

La settimana della moda sbarca nel Metaverso

L’interesse crescente per gli NFT da parte di brand e investitori nel mondo nella moda, sta creando un mercato dove gli abiti e gli accessori che siamo abituati a vedere nelle vetrine, saranno disponibili anche come file digitali venduti a prezzi da haute couture all’interno del Metaverso.

Diventare possessori di uno dei NFT dei brand di moda porta ad una serie di vantaggi, tra cui l’accesso ad una community esclusiva, la partecipazione a eventi privati o vendite speciali dal vivo, ma soprattutto digitali.

Molti luxury brand infatti, non non si limitano più a presentare le loro collezioni esclusivamente nelle sfilate di moda di New York, Londra, Milano e Parigi, ma lo fanno anche nel metaverso. Come dimostra il successo del “Metaverse Fashion Week” tenutosi lo scorso marzo, il più grande evento di moda virtuale della storia che ha visto la partecipazione di oltre 70 brand, designer e artisti del mondo della moda, tra cui Cavalli,
Dolce & Gabbana, Etro, Zanotti, Hogan Tommy Hilfiger o Karl Lagerfeld, per citarne alcuni. 

Nell’universo virtuale di Decentraland, il metaverso su sui si è svolto l’evento, oltre che alle sfilate, con un semplice click gli utenti hanno potuto partecipare
anche a conferenze, afterparty ed esperienze di acquisto nei negozi digitali.

 Attraverso la Metaverse Fashion Week si è voluto far sperimentare la moda sotto altri punti di vista, e
soprattutto rendere l’alta moda accessibile anche ai non addetti ai lavori.

 Per partecipare agli eventi della Fashion Week infatti, è bastato collegare il proprio Metamask oppure cliccare sul pulsante “Play as guest” per connettersi come ospiti.

Crypto Couture

Conclusioni

L’espansione inarrestabile del mondo virtuale negli ultimi anni, complice anche la pandemia, ha rivoluzionato il fashion system cambiando in maniera decisiva gli asset strategici nel lusso e nel prêt-à-porter. 

Nonostante buona parte della popolazione mondiale non sia ancora avvezza alle complesse dinamiche del metaverso e scettica sull’acquisto di prodotti disponibili solo in realtà aumentata e virtuale, Nft e nuove tecnologie rappresentano il futuro del settore.
L’esplorazione del metaverso da parte di molti brand di moda sta diventando ormai uno strumento di comunicazione imprescindibile per esprimere senza limiti la propria creatività, creare vicinanza e accessibilità, engagement, interazione e fidelizzazione di nuovi pubblici.
Da queste considerazioni si evince che il connubio tra moda e metaverso rappresenta una grandissima opportunità per le aziende di moda, ma anche un terreno di nuove sfide di business e legali di cui è ancora prematuro conoscerne gli effetti nella vita reale.

Banksy Bruciato

Grazie per aver letto il nostro Articolo!

Clicca sull' icona per tornare alla home page